Enozioni 2020: (C)alice nel Paese delle Meraviglie – Banco di degustazione


Enozioni 2020: (C)alice nel Paese delle Meraviglie – Banco di degustazioneAlice: «Per quanto è per sempre?» Bianconiglio: «A volte, solo per un secondo»

La magia è fatta di un mucchio di cose: fantasia, incanto, suoni, profumi e un pizzico di follia. Lo Stregatto di Lewis Carroll non avrebbe dubbi: terrebbe gli occhi chiusi per non tornare alla sbiadita realtà degli adulti, come la definiva il suo creatore. E probabilmente continuerebbe a vagare senza meta, perché se non sai dove vuoi andare, non ha alcuna importanza dove stai andando.

I banchi di degustazione sono in realtà il vero Paese delle Meraviglie, non sai mai chi ti stia aspettando dietro l’angolo: Il Bianconiglio, il Topo, il Cappellaio, la Lepre Marzolina. Ma questa volta la fiaba c’entra poco, perché Il Paese delle Meraviglie è al piano ammezzato del Westin Palace Hotel. Enozioni 2020, con il primo dei due banchi di degustazione, ha raccontato un viaggio: da nord a sud, isole comprese come recitava il claim di una vecchia pubblicità. Tutte o quasi tutte le cantine rappresentate dai produttori, instancabili nel servire e nel raccontare i loro vini. Emozionante vedere tanti sommelier in servizio, una squadra importante, preparata, accogliente, puntuale e paziente.

Spesso ci si dimentica quanto la presenza perfettamente sincronizzata di questi professionisti competenti ed eleganti sia di fondamentale importanza per la riuscita, in particolare, di questa tipologia di eventi: preparazione, gestione del tempo, capacità di ascolto, attenzione, phisique du role, non manca nulla. Una parola e un calice per tutti, perché il banco di degustazione è tasting, conoscenza, approfondimento e incontro.


Il relatoreÈ, come direbbero gli antichi greci, logos e pathos: parole ed emozioni, amplificate dal profumo del vino. Ancora una volta AIS Lombardia ha declinato quantità, per numero di cantine presenti, con eccellenza: tante gemme della nostra viticoltura, tante espressioni di territori diversi tra loro ma accomunati dalla ferrea volontà del fare bene. Una perfetta macchina organizzativa ha gestito i banchi e l’afflusso di soci, appassionati, operatori del settore, stampa: tante e tante presenze, richiamate dalla presenza di cantine blasonate e da nuovi ingressi in grado di incuriosire e di far parlare di sé. Un afflusso che premia chi ha immaginato tutto questo, con quella sana ambizione di chi, giunto alla terza edizione della kermesse, si propone di alzare l’asticella e stupire i partecipanti con qualcosa di veramente speciale.

Obiettivo centrato, perché il Paese delle Meraviglie è stato un bellissimo luogo di incontro, con degustazioni e permanenze prolungate, con contatti diretti con i produttori e momenti di approfondimento nella conoscenza del vino. Contagio ed entusiasmo. Quello che ti fa dire: bello esserci. E la tasca portacalice con il logo di Enozioni diventa una sorta di amuleto, un talismano che di nero ha solo il colore, ma che ha in sé la luce delle giornate di festa.


I viniQueste le cantine presenti, che sentiamo davvero di ringraziare per la loro partecipazione, per il loro entusiasmo, per la capacità di coinvolgere i presenti, per essere pienamente a bordo con il progetto Enozioni:

PIEMONTE: Benito Favaro, Braida Giacomo Bologna, Bruno Giacometto, Ca' Nova, Le Piane, Mazzoni, Podere ai Valloni. LOMBARDIA: Alessio Brandolini, Barone Pizzini, Bersi Serlini, Fratelli Agnes, Frecciarossa, Hermau, La Piotta, Nino Negri, Nove Lune, Rainoldi, Scuropasso, Tenuta Scerscè, Travaglino. VENETO: Astoria, Santi. ALTO ADIGE: Cantina Merano Burggräfler, Cantina Nals Margrei. LIGURIA: Ca' du Ferrà, La Carreccia. EMILIA: Marengoni ROMAGNA: Tenuta La Viola, Terre di Macerato, Tre Monti, Vini Giovannini. TOSCANA: Banfi, Fabio Motta, Fontodi, Tolaini. UMBRIA: Famiglia Cotarella, Tenuta Bellafonte. MARCHE: Ciù Ciù Tenimenti Bartolomei, Oasi degli Angeli. LAZIO: Ômina Romana. MOLISE: Terresacre CAMPANIA: Marisa Cuomo, Masseria Frattasi, Quintodecimo, Villa Raiano. PUGLIA: Cantine San Marzano, Conti Zecca, Gianfranco Fino. SICILIA: Duca di Salaparuta, Firriato, Florio, Tasca D'Almerita, Valle dell'Acate. SARDEGNA: Cantine Su' entu, Tenuta La Sabbiosa, Unmaredivino.

«È sempre l’ora del tè, e negli intervalli non abbiamo il tempo di lavare le tazze», direbbe il Bianconiglio. La metonimia è semplice: se sostituiamo tè con vino, e tazze con calici, il gioco è fatto. Lewis Carroll approved.