Quintodecimo e il suo aglianico

Quintodecimo e il suo aglianico

Quintodecimo e il suo aglianico, dieci vendemmie di Terra D’Eclano raccontate da Luigi Moio

“Più che perfezione, Quintodecimo per me è libertà; ecco, ho bisogno della libertà di fare quello che voglio. È la mia idea di libertà”.

Così il Professor Luigi Moio, qualche anno fa, ci spiegò cosa fosse per lui Quintodecimo, in un’intervista rilasciata al collega sommelier Paolo Valente che pubblicammo sul nostro sito poco prima di una delle tante serate di approfondimento e conoscenza che ci ha regalato in tutti questi anni.

A Mirabella Eclano, in provincia di Avellino, il professor Luigi Moio decide di trasferirsi nel 2001 con la sua famiglia nel tentativo non solo di cercare il terroir ideale per realizzare la sua idea di un “grande vino” con il vitigno aglianico, ma anche per trovare un rifugio ideale dove continuare ad approfondire senza sosta i suoi studi e le sue ricerche.

Insomma, una sorta di “Casa-Azienda” come ama, infatti, definirla.

Questa è Quintodecimo, nel cuore della Docg Taurasi.

Qui si producono tre vini bianchi - un Fiano di Avellino, un Greco di Tufo e un Irpinia Falanghina - e tre vini rossi tutti a base aglianico: due Taurasi Riserva provenienti da altrettanti cru diventati nel tempo un punto di riferimento - Vigna Quintodecimo e Vigna Grande Cerzito - e il protagonista della nostra serata, il Terra d’Eclano, un Irpinia Aglianico Doc che nasce dal blend di cinque differenti vigneti, sempre naturalmente di aglianico.

Scopriremo tutti i segreti e le intime sfumature di questo grande rosso irpino attraverso le parole di Luigi Moio e ben 10 annate nei calici.

Terre d’Eclano Irpinia Aglianico Doc - La verticale

- 2004
- 2006
- 2007
- 2008
- 2010
- 2011
- 2012
- 2013
- 2014
- 2015



Conduce la serata

Luigi Moio
Luigi Moio nasce a Mondragone il 29 giugno 1960. Laureato con lode in Scienze Agrarie, consegue il titolo di Dottore di Ricerca presso il Laboratoire de Recherches sur les Arômes dell’Institut National de La Recherches Agronomique di Dijon.

Attualmente è professore ordinario di Enologia presso il Dipartimento di Scienza degli Alimenti dell’Università degli Studi di Napoli “Federico II”. Nel 2010 viene eletto presidente del gruppo di esperti di enologia dell'OIV (Organizzazione Internazionale della Vigna e del Vino).


Autore e co-autore di circa 200 pubblicazioni scientifiche, dal 1991 svolge ricerche sullo studio dell’aroma degli alimenti, rivolgendo particolare attenzione alle componenti odorose del vino e alle tecnologie enologiche mirate a preservare e amplificare l’aroma varietale.

Informazioni e Prenotazioni

Per informazioni: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Data

30 novembre 2018 ore 21:00


Sede

Hotel The Westin Palace
Piazza della Repubblica 20, Milano

Quota di partecipazione
Soci AIS: 50 euro


Posti disponibili 80

La prenotazione è aperta dal giorno 15 novembre


L'evento è riservato ai Soci AIS in regola con la quota associativa di AIS Nazionale.

La prenotazione è obbligatoria e impegnativa.

Caratteristiche dell'evento

Inizio evento 30-11-2018 21:00
Termine evento 30-11-2018 23:00
Data inizio iscrizioni 15-11-2018 0:00
Posti 80
Chiusura iscrizioni 29-11-2018 18:00
Costo per persona 50,00€
Luogo
The Westin Palace Hotel
Piazza della Repubblica, 20, 20124 Milano MI, Italia
The Westin Palace Hotel
Effettua il login per iscriverti a questo evento
50,00€ 24