Bordeaux e i suoi vini. Atto Secondo.

Bordeaux e i suoi vini. Atto Secondo.

Secondo incontro dedicato a Bordeaux e i suoi vini. Una serata che lascerà a bocca aperta. Sei eccezionali interpretazioni della vendemmia 2009 da degustare con Luisito Perazzo, uno dei maggiori esperti italiani delle eccellenze di Bordeaux.

Chi dice che i vini di Bordeaux siano difficili da capire ha ragione, poiché è una regione ricca di contrasti e sono così numerose le variabili che influenzano i suoi vini che è arduo capire e memorizzare le differenze. I dieci anni di un’annata eccezionale, la 2009, ci danno la “scusa” per fissarne un paio, la qualità e l’annata, in modo da poterci concentrare meglio all’incontro con vini che hanno molto da dire.


La qualità e il pregio sono costantemente alte: assaggeremo solo vini considerati tra i migliori che la regione possa offrire. Referenze come Château Pontet Canet, che da alcune annate è uno dei vini più apprezzati dai collezionisti e che, nella espressione 2009, ha ricevuto la valutazione di 100 punti Parker e un impressionante 19.5/20 dalla Revue du Vin de France, o come il potente Château La Conseillante, sontuosa espressione di Pomerol, ci aiuteranno a capire da dove può scaturire la passione per i Bordeaux. Troppo spesso chi dice che non ama i vini di Bordeaux non ha prima assaggiato quelli “giusti”.

L’altra variabile uguale per tutti  vini in degustazione è l’annata. Spesso, considerazioni legate a reperibilità e prezzo portano a ignorare, in sede di degustazione che, dato il clima mutevole di Bordeaux, l’annata fa una grande differenza. E questo sia perché tra annate vicine la qualità può mutare abissalmente e sia perché i Bordeaux di fascia alta, soprattutto in alcune denominazioni, hanno bisogno di anni per esprimere il loro potenziale. Insomma: abbiamo aspettato il decimo compleanno per incontrare i 2009 nel momento in cui cominciano ad entrare nella maturità.

A guidarci, uno dei sommelier italiani con più esperienza nella degustazione delle eccellenze di Bordeaux, il campione italiano 2005 Luisito Perazzo, che ha attentamente selezionato con noi questi grandi vini.

Un’annata eccezionale, Bordeaux importanti, costosi e non facilmente reperibili, un campionissimo al comando. Difficile mancare.

In degustazione

Château Brane-Cantenac 2009 – Margaux
Château Calon Segur 2009 – Saint-Estèphe
Château La Conseillante 2009 – Pomerol  
Domaine De Chevalier 2009 – Pessac-Léognan
Château Lèoville Barton 2009 – Saint-Julien
Château Pontet Canet 2009 – Pauillac

 

Conduce la serata

Luisito Perazzo, Miglior Sommelier d’Italia nel 2005, Sommelier dell'anno 2006 e 2013, Miglior Sommelier di Lombardia nel 2004. Un percorso non convenzionale, con gli studi che dapprima prendono la via del Politecnico di Milano, poi l’incontro con il mondo del vino che diventa amore fulminante. Studia e arricchisce la conoscenza del vino che vira poi verso l’approfondimento dei distillati e delle bevande. Assoluto cultore della “sosta” a tavola, si distingue per una continua ricerca e miglioramento dell’esperienza dei suoi commensali.

 

Informazioni e Prenotazioni

Per informazioni: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Data
Giovedì 12 dicembre 2019 - ore 21.00


Sede

Hotel The Westin Palace
Piazza della Repubblica 20, Milano

 

Quota di partecipazione
Soci AIS: 95 euro


Posti disponibili 45

La prenotazione è aperta dal giorno 20 novembre 2019

L'evento è riservato ai Soci AIS in regola con la quota associativa di AIS Nazionale.

La prenotazione è obbligatoria e impegnativa.

 

Caratteristiche dell'evento

Inizio evento 12-12-2019 21:00
Termine evento 12-12-2019 23:00
Data inizio iscrizioni 20-11-2019
Posti 45
Chiusura iscrizioni 10-12-2019 23:55
Costo per persona 95,00€
Luogo
The Westin Palace Hotel
Piazza della Repubblica, 20, 20124 Milano MI, Italia
The Westin Palace Hotel
Effettua il login per iscriverti a questo evento
95,00€