Piemonte in bianco: il Timorasso

Piemonte in bianco: il Timorasso

Pensi al Piemonte enologico e la mente corre ai magnifici vini rossi, soprattutto a base nebbiolo. Ma quanti conoscono altrettanto bene i vitigni a bacca bianca di questa regione? Sarà Francesco Ferrari a raccontarci il “Piemonte in bianco” attraverso le migliori espressioni del timorasso, vitigno autoctono dalla forte connotazione territoriale e capace di sorprendere.

Il Piemonte, agli occhi degli appassionati di vino, è visto come terra di rossi. Di grandi rossi. Come dar loro torto: a partire dai grandi interpreti del nebbiolo, Barolo e Barbaresco in primis, passando per le eclettiche barbere dalle mille sfaccettature o l’elegante e austero grignolino, arrivando alle tante anime del dolcetto, oggi forse sottovalutato ma ricco di storia e di potenzialità, i vini rossi piemontesi sono tra i vini italiani più conosciuti e apprezzati al mondo.

Ma il Piemonte non è solo rosso.

I vitigni a bacca bianca, infatti, coprono circa 1/3 del vigneto piemontese: e se il moscato di Asti è anch’esso famoso in tutto il mondo, vi sono anche altri vitigni bianchi autoctoni magari meno conosciuti ma che danno vini di elevata qualità e, soprattutto, fortemente territoriali: cortese, arneis, erbaluce, nascetta e timorasso.

Ed è proprio quest’ultimo vitigno, il timorasso, a cui è dedicata la serata: un tempo molto diffuso, in pochi decenni arrivò alle soglie dell’estinzione, con soli pochi filari rimasti in produzione.

Un produttore “visionario”, ben presto coadiuvato da un piccolo e coeso gruppo di produttori, ha dato origine alla rinascita di questo vitigno che, nel giro di soli trent’anni, partendo da zero, si è guadagnato senza dubbio un posto tra i più grandi vini bianchi italiani.

 

Conduce la serata

Francesco Ferrari, nato a Ivrea e cresciuto tra Piemonte e Toscana (bel derby!), è un dirigente d’azienda. Il suo lavoro lo ha portato in giro per il mondo, da Londra a Barcellona, da Il Cairo ad Abu Dhabi fino a rientrare (chissà se in modo definitivo) a Milano. Qui, per seguire una passione coltivata fin da ragazzo, intraprende il percorso che lo porta a diventare Sommelier, poi Degustatore e infine Relatore AIS. Ama visceralmente il Piemonte e i suoi vini: non ritenendo di essere ancora riuscito a capirli (nonostante i decenni di frequentazione) persiste cocciutamente negli assaggi e nel calpestarne i vigneti, giorno dopo giorno e anno dopo anno, in attesa di una folgorazione che spera non arrivi mai.

 

Vini in degustazione

Derthona Timorasso Sterpi 2017 - Walter Massa
Derthona Timorasso Pitasso 2017 - Claudio Mariotto
Colli Tortonesi Timorasso Fausto 2016 - Vigne Marina Coppi
Colli Tortonesi Timorasso Diletto 2017 - Pomodolce
Colli Tortonesi San Leto 2013 - Daniele Ricci
Colli Tortonesi Filari di Timorasso 2017 - Luigi Boveri

 

Modalità di partecipazione

Quota di partecipazione40 euro
Posti disponibili: 45

Le prenotazioni sono aperte dal giorno 20 gennaio 2020.
Per prenotare è necessario utilizzare il sistema di prenotazioni on-line
L’evento è riservato ai Soci AIS in regola con la quota associativa di AIS Nazionale.

Caratteristiche dell'evento

Inizio evento 12-02-2020 21:00
Termine evento 12-02-2020 23:00
Data inizio iscrizioni 20-01-2020 0:00
Posti 45
Chiusura iscrizioni 09-02-2020 23:55
Costo per persona 40,00€
Luogo
The Westin Palace Hotel
Piazza della Repubblica, 20, 20124 Milano MI, Italia
The Westin Palace Hotel
Effettua il login per iscriverti a questo evento
40,00€